Menu

Il suicidio è vietato dall’anima

L’anima è legata al respiro, dal greco Anemos, soffio, vento. l’anima quando decide di nascere al corpo e alla mente non dice

niente, tuttalpiù per 9 mesi “ Acqua in bocca che il progetto uomo è in preparazione” .Una volta trascorsi i 9 mesi l’anima è costretta a dire al corpo e alla mente che il progetto uomo è pronto per uscire di testa, (se possibile) quando il corpo e la mente apprendono la notizia nel 100% dei casi si esclama così:

uuuuueehhhhh uuuueeeehhhhh uuuuhhheeee da lì inizia il nostro invecchiamento che si protrae per tutta la vita, nel primo periodo non parliamo ma blableggiamo soltanto,  siamo incontinenti per circa tre anni, prima di fare un discorso concreto e magari coerente trascorrono oltre 15 anni, ma spesso  89 non sono sufficienti. Siccome è l’anima che decide di nascere, è sempre l’anima che decide di morire. Il suicidio è una stretta decisione della mente, dettata da insicurezze , fallimenti, depressioni e tutto quello che intacca le menti deboli,insicure, arrabbiate, quindi il suicidio è uno scomodare l’anima che non ha ancora terminato il suo percorso.

Se una persona vuole suicidarsi mettendo d’accordo anima e mente deve semplicemente smettere di respirare, senza tuffarsi in acqua con una pietra al collo, senza andare in apnea, insomma senza orpelli alcuni, semplicemente seduto su di una seggiola  smettendo di respirare, in quel caso l’anima non lo permetterà, perché in quel caso comanda lei e tu nonostante la fatica di non respirare, l’anima costringerà il corpo di comunicare alla mente di riprendersi il suo fiato.

No categories

Comments

Sorry, comments are closed for this item.